“È tutto nato da un viaggio in Thailandia”. Così confessa Giacomo Bizzarri, uno dei fondatori di Mashcream assieme a Alessandro Giuricin, tutor di The Hive, business incubator di Ancona, e Fabrizio Cannizzaro. “Ho visto per strada gelati fatti al momento su una piastra fredda e sono rimasto colpito”. Tornato a casa, Bizzarri sviluppa diversi prototipi con un frigorista di Senigallia e dopo una serie di tentativi con un gelatiere della stessa città che forniva il gelato, sono riusciti ad arrivare al modello finale. Nel settembre 2015 hanno aperto la startup Mashcream che questa settimana si trova allo SMAU di Milano (fiera italiana dedicata all’Information and Communication Technology, dal 24 al 26 ottobre).

Il nome “Mashcream” si riferisce al termine inglese “ice cream”, gelato, e “mash”, significa sia “miscuglio”, che “schiacciare”, “triturare”, “pestare”, e riunisce le azioni per preparare questa nuova modalità di gelateria. Si sceglie l’abbinamento di ingredienti preferito (come nei negozi di yogurt e crêpes), si versa la base gelato sulla piastra refrigerata, si manteca con una spatola il composto, si raffredda, si lavora, si stacca in rotolini (roll) che vengono messi in una coppetta. “Il vantaggio è di verificare subito l’aspetto e la consistenza degli ingredienti che vengono impiegati”. Le materie prime sono frutta fresca, puree di frutta, paste di cioccolato, nocciola, pistacchio, biscotti, ecc. Il gelato è composto da 100% latte italiano, è biologico, senza glutine e certificato halal (conforme ai precetti religiosi musulmani).

Il prodotto è ottenuto con una tecnologia di espansione diretta del freddo. Per trovare la ricetta giusta “abbiamo dovuto analizzare tre fattori fondamentali: la temperatura della piastra per il freddo, la quantità di zuccheri e di grassi per la base gelato”.

Mashcream è rivolto sia alle attività esercenti in formato “shop in shop” (negozio dentro al negozio) che allo street food, nel quale propone bike, truck o ape-car per partecipare anche ad eventi, catering, matrimoni e altro.

“Nella prossima stagione stiamo valutando la prima apertura di un primo punto vendita fisso a Senigallia”, rivela Bizzarri. In contemporanea allo SMAU, inizieranno il percorso UniCredit Start Lab per le startup grazie alla menzione speciale ricevuta nella categoria “Innovative Made in Italy”.

Non avete ancora capito come si fa il loro gelato? Qui sotto trovate il loro video dimostrativo.

Donatella Rosetti

Salva

Salva

Salva